20191013 - La morte non esiste! - Foto di Gerd Altmann da Pixabay - light-3920898_1920

Se tutto è Energia che si trasforma in continuazione, come può esistere la morte? E come dimostri l’esistenza della morte se la tua è eterna vita?

Come dimostro che la morte non esiste?

La prima cosa che verrebbe da pensare è: “Ma se non vi è altro modo, se non attraverso l’esperienza diretta, di comprendere le cose, come dimostro che la morte non esiste?”

Semplice, non puoi! Almeno, con le tipiche prove che tutti cercano. Anche chi ha avuto esperienze post-mortem non da riferimenti chiari e, nonostante la maggior parte delle testimonianze si assomiglino, non sono quasi mai identiche se non per particolari ovvi.

Anche nella definizione di Wiki la morte…

In alcuni parti del termine morte su WIKIPEDIA, possiamo leggere queste due frasi: ” La morte non può essere definita se non in relazione alla definizione di vita, anch’essa relativamente ambigua.” …e ancora: ” La morte viene, sempre, considerata come un processo: con la locuzione morte biologica ci si riferisce alla conclusione di tale processo in riferimento a un organismo vivente, ovvero alla dissoluzione dell’organismo stesso.”

Quindi, possiamo più che altro definire la nostra esistenza un ciclo fisico della nostra eterna Anima eterea.

Allora che senso ha parlare di vita post-mortem?

Dal mio punto di vista filosofico parlare di vita dopo la morte è fondamentale. Il perché ve lo spiego subito. L’esistenza in sé, non è facile e gioiosa per tutti, inoltre, rimane difficile per molti, ancora oggi, trovare un senso al proprio percorso su questa terra.

Sapere che dopo la “morte” del corpo fisico, l’Anima, la coscienza, porterà con sé il risultato di tanta fatica, conferma il processo evolutivo e ti da la forza giusta per vivere al massimo fino alla “fine”.

Da sempre l’uomo cerca qualcosa che ha posseduto in eterno

Non spenderò molto su questo argomento se non per dire che l’essere umano ha sempre cercato il modo di vivere in eterno, mentre era già un essere eterno che attraversa differenti cicli e metamorfosi.

Alcune citazioni DOVUTE!

Non possiamo parlare di vita eterna e saltare le seguenti citazioni scientifiche.

Legge della conservazione della massa (fisica), Antoine-Laurent de Lavoisier:

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma

Affermazione di Max Plank:

Tutta la materia ha origine ed esiste solo in virtù di una forza che porta la particella di un atomo a vibrare e mantenere il sistema solare insieme. Dobbiamo supporre che dietro questa forza ci sia una mente cosciente ed intelligente, matrice di tutta la materia

Nikola Tesla:

Se vuoi capire i segreti dell’universo, pensa in termini di Energia, Frequenza e Vibrazione

Quindi, concludendo, si può dire che la morte non la puoi dimostrare se la tua è vita eterna. Gli studiosi nei secoli si sono sforzati di ricercare e dimostrare qualcosa che già si è, l’immortalità, ingannati da trasformazioni fisiche continue che fanno pensare alla cessazione definitiva della vita.

Anche coloro che hanno fatto esperienze post-mortem non fanno altro che confermare una luce, cioè l’energia che noi stessi siamo e l’Anima, la coscienza che continua in eterno.

Come al solito, poi, non vi è bisogno di dimostrare nulla, se non a se stessi, in modo da sentirsi bene, felici e avere 10.000 motivi in più per vivere la nostra esperienza fisica attuale, al massimo, e sino alla “fine”.

Torna alla Home Page

Foto di Gerd Altmann da Pixabay