20191002 - Foto Profilo - Giorgio Dambrosio

Mi chiamo Giorgio Dambrosio e sono nato a Torino nel 1976.

Gli antichi mi definirebbero un “Risvegliato in Vita“.

Un Risvegliato in Vita è una persona con una percezione e una sensibilità superiori alla norma. Un soggetto capace di vedere e sentire cose che sfuggono alla maggior parte delle persone.

E’ in grado di parlare con La Vita e, La Vita gli risponde, anche se non chiaramente ma con segnali, come la sincronicità.

Il suo punto forte è una visione prevalentemente Positiva e, questo, gli permette di modificare tutte le situazioni a proprio vantaggio.

Cos’è il “Risveglio”?

Normalmente, il “Risveglioarriva a seguito di eventi mentalmente drammatici. E’ concesso solo a coloro che hanno sempre seguito e continuano a seguire la rettitudine, nonostante le mille avversità e nonostante il fatto che il mondo cominci a non corrispondere più al modello che ci si crea da soli a livello mentale.

E’ come trovarsi di fronte ad una grande selezione, dove le situazioni cominciano ad andare male; tanto male da avere il potere di cambiarti in peggio.

Di fronte a questa prova, colui che resiste e rimane nel giusto, “colui che continua a seguire la Luce”, riceve il premio, il “Risveglio”.

Questo significa, altri tipi di percezione e, un punto di vista sul mondo, totalmente differente rispetto a prima.

MISSIONE

A seguito di eventi mentalmente drammatici della mia esistenza, seguirono mesi di malattia e depressione.

La vita, per com’era concepita nella mia mente, non rispecchiava più la realtà nella quale mi ritrovai all’improvviso.

Qualcosa, dentro, mi tirò su e mi “costrinse” a cercare risposte.

Passai mesi a leggere, come se la soluzione fosse, certamente, in qualche libro; alla fine capii!

Tutto era colpa mia!

Il mondo non faceva altro che rispecchiare ciò che io ero nel profondo e, per cambiare la realtà nella quale ero sprofondato, dovevo cambiare la mia Anima, che poi era, allo stesso tempo, la voce della Speranza che mi aiutò a superare quel periodo.

Un essere Divino era in me; io non ne ero consapevole!

Così cominciai un lungo cammino Spirituale alla ricerca della mia Anima, con l’intenzione di conoscerla, stringere un rapporto ed imparare a sfruttarne tutte le potenzialità in essa contenute.

Nel frattempo, quel viaggio Spirituale mi portò, anche, a Comprendere che avevo un Dono, un compito, condividere i miei pensieri, frutto di Esperienze dirette ed elaborate in seguito dal mio Spirito. Una condivisione che aveva come obiettivo l’aiuto del prossimo. Dovevo divenire un’Autore, quindi.

La cosa andava, fra l’altro, in contrapposizione con la mia preparazione scolastica, non ero mai andato bene in italiano. Con il passare del tempo e molto allenamento, riuscii a compensare discretamente le mie mancanze.

A seguito di tutte le difficoltà affrontate, in conseguenza al mio viaggio interiore e grazie a forze in quel periodo a me ancora sconosciute, passai allo stato di “Risvegliato in Vita“, cioè in quella condizione dove la mente, finalmente conscia dell’Anima, si approccia ad un nuovo modo di vivere e vedere l’esistenza, sicuramente più positivo e proficuo.

Nel frattempo, il Dono, prendeva sempre più piede. Cercavo di non pensarci, a volte facevo finta di essermi sbagliato. In alcuni periodi mi dedicavo totalmente ad altro per dimenticare. Nulla da fare!

Il richiamo del Dono

Il Dono mi richiamava in continuazione all’ordine, come il canto delle sirene un marinaio.

Fui costretto, inizialmente, ad accettare e convivere con questo mio Compito. In seguito arrivai a capire, per fortuna, che io stesso ero il mio Dono, perché quando non mi dedicavo ad esso, sentivo un vuoto, non stavo bene, mi mancava qualcosa.

Finii per accoglierlo come si fa con un caro amico che non vedi da anni e, iniziai a dedicarmi ad esso totalmente.

Quindi, dopo il “Risveglio” e in seguito all’accettazione globale del mio Dono, fui costretto a partire per un altro “viaggio”. Un Destino da Autore Utopista mi stava attendendo.

Ero pronto per la mia Missione!

Ero divenuto in tutto e per tutto ciò che già ero e sempre ero stato, anche senza saperlo: un Autore Utopista, un “Risvegliato in Vita” che attraverso la propria Anima era in grado di inviare messaggi ad altre Anime, nella speranza sincera e profonda che ogni singola comunicazione potesse essere d’aiuto a qualcuno. La mia Missione era ormai chiara. 

CHE IO POSSA ESSERE SIMILE AD UN “FARO” NELL’ESISTENZA DI MOLTI, PER DIMOSTRARE CHE C’È SEMPRE UNA “ROTTA” DA SEGUIRE IN QUALSIASI “TEMPESTA”, MA CHE OGNUNO DI VOI, ISPIRATO DALLA MIA LUCE, TROVI IL CORAGGIO DI SCEGLIERE LA PROPRIA STRADA, CON IN PUGNO L’UNICA VERA “BUSSOLA” CHE HA IL POTERE DI CONDURVI IN LINEA CON IL VOSTRO DESTINO, UN DESTINO CERTAMENTE STUPENDO. LA “BUSSOLA” DI CUI PARLO È LA FELICITÀ, SEGUITELA, SEMPRE E COMUNQUE, ABBIATENE IL CORAGGIO!
   GIORGIO DAMBROSIO

Torna alla Home Page